smart working

Migliori strumenti e programmi per lavorare in smart working da casa

Chi lavora in smart working da casa sa quanto sia importante avere gli strumenti giusti per gestire il tutto e svolgere al meglio le proprie mansioni.

Avere un programma in più sul pc non può che migliorare nettamente questo tipo di esperienza lavorativa, per questo motivo abbiamo deciso di proporvi alcuni tool per lo smart working che non devono assolutamente mancare sul vostro pc.

Per smart working si intende un modello di lavoro agile che permette ai dipendenti di un’azienda di lavorare tramite computer e telefono da qualunque posto ritengano più opportuno.

A causa dell’emergenza Covid-19, lo smart working è stato il modello lavorativo più utilizzato nel 2020 e lo sarà anche per il 2021.

Sono tanti i vantaggi del lavoro intelligente, dalla possibilità di poter lavorare da casa o da dove si vuole, ad avere maggiore organizzazione del lavoro e del tempo libero, grazie all’assenza di spostamenti verso la sede di lavoro, il che si traduce in meno stress.

Tool e software indispensabili per lo smart working

Sono disponibili moltissimi strumenti che facilitano l’esperienza dello smart working, ecco quelli che riteniamo essere i migliori.

Google Suite

Google Workspace mette a disposizione una serie di strumenti indispensabili per ogni smart worker, in particolare, Google Calendar, Google documents, Google Sheets e Google drive.

Drive è fondamentale per organizzare file e cartelle che vuoi condividere con i colleghi, inoltre, puoi accedere alle informazioni da qualsiasi dispositivo semplicemente utilizzando il tuo account Google.

Calendar è ottimo per gestire gli appuntamenti e i meeting da condividere con i colleghi, ma anche per prendere appunti. È fondamentale per verificare gli impegni e non perdersi le scadenze.

Infine, Google Sheets equivale a Excel, mentre Documents è il gemello di Word, entrambi hanno le stesse funzionalità delle versioni di Office per Microsoft, ma permettono di salvare il tutto in automatico sul cloud e condividerlo con chi si vuole.

Dropbox

In alternativa a Google Drive c’è Dropbox, il servizio di cloud online più utilizzato, con milioni di clienti attivi ogni mese. È gratuito per un certo limite di archiviazione, poi è possibile accedere a delle opzioni a pagamento, ma per un uso basico può andar bene la versione free.

Una grande comodità è quella di poter inserire la cartella di Dropbox all’interno del pc come se fosse un archivio e accedervi come una qualunque altra cartella. In questo modo non occorre andare sul sito ma semplicemente aprire l’archivio sul desktop o nel percorso dove è stato posizionato e consultare il contenuto. La sincronizzazione della cartella con gli altri utenti è quasi istantanea.

 Zoom e Skype

In smart working le videochiamate e le riunioni sono molto frequenti e programmi come Skype rappresentano la soluzione ideale. Questo famoso software di Microsoft è studiato appositamente per permettere di videochiamare fino a 50 persone contemporaneamente, ed è ottimo anche per condividere lo schermo con le altre persone.

In alternativa, puoi provare Zoom, un tool che permette di organizzare chat di gruppo facilmente, di accedere a servizi gratuiti e organizzare live anche con la possibilità di avere un link della diretta da divulgare a chi vuoi.

Trello

Se hai tanto lavoro e molti clienti da gestire, Trello è il software che può aiutarti a tenere tutto in ordine. È un organizzatore dei progetti e delle cose da fare, molto economico ed estremamente intuitivo e facile da usare.

Si possono creare post it sullo schermo come se si stesse usando una lavagna e con l’avanzare dei lavori si può spostare tutto nelle voci “in corso” o “finito”. Un tool utilissimo per risparmiare tempo e ottimizzare il lavoro.

Teamviewer

Teamviewer è uno dei migliori software per assistenza da remoto che permette di condividere lo schermo con una persona e agire sul suo computer.

Utilissimo per interventi tecnici e di manutenzione sul pc o sui programmi aziendali, indispensabile se devi fare assistenza ai clienti su alcuni prodotti.

Il funzionamento è semplice: apri il software, scambi le password con l’altra persona e dai il consenso alla condivisione dello schermo. È opportuno che la persona che riceve assistenza non muova il mouse durante la sessione, altrimenti i suoi movimenti andranno in conflitto con chi opera da remoto.