Trascinata da un’auto per 70 metri mentre giocava a Pokémon Go

Tragedia a Melbourne mentre giocava con l’app che sta spopolando nel mondo digitale


TanamiNaylerTanami Nayler, una 22 enne australiana, è stata trascinata per 70 metri dopo essere stata colpita nei pressi di un passaggio pedonale a Melbourne, nelle prime ore di sabato mattina.

Tanami è stata falciata da una macchina rubata mentre lei era fuori per giocare con un’amica a Pokemon Go. La ragazza aveva appena finito la caccia e aveva deciso di andare a mangiare un boccone in un locale nei paraggi. Improvvisamente la tragedia con la ragazza colpita da una Toyota Corolla rubata che ha finito la sua corsa schiantandosi contro un albero e un palo dopo aver accelerato in presenza di un semaforo rosso.

Secondo quanto riferito da fonti della polizia, il conducente avrebbe abbandonato a piedi la scena del crimine mentre l’amica inerme guardava Tanami lasciata senza vita in mezzo alla strada. Nicholas Michael Davison, questo il nome dell’omicida, è stato arrestato nelle vicinanze e accusato di guida pericolosa, mancata assistenza, furto con scasso e omicidio stradale. L’uomo vive a North Melbourne ed è comparso davanti ai magistrati locali sette giorni dopo il grave incidente. Joshua Leish, cugino della vittima, ha parlato all’Herald Sun dichiarando che la morte della ragazza è senza senso. “Tutto stava andando bene, era pronta per trasferirsi altrove ed era felice della sua vita”. L’ispettore Stuart McGregor ha descritto la tragedia come qualcosa di indescrivibile. “Tutto quello che ha fatto è attraversare il passaggio pedonale e ha pagato questo con la sua vita. È giusto dire che questo è probabilmente uno dei crimini più sconcertanti. È stato spregevole”.

Davison è stato trattenuto in custodia fino alla sua prossima apparizione in tribunale. Secondo l’ispettore potrebbe essere condannato a 20 anni di carcere.


FONTE: www.direttanews.it