Il “Re del Pop”

Creatività e musicoterapia

È indubbio che uno dei miei artisti preferiti è Michael Jackson. Talmente preferito che, se avessi tempo, o vite future a disposizione (per chi ci crede), mi piacerebbe imparare seriamente a ballare, studiando in una scuola di danza vera e propria.

Ho ascoltato anni fa, in TV, un lungo servizio sulla vita di Jackson, infanzia compresa. Uno dei suoi piaceri più grandi? Quello di salire sugli alberi e… stare lì.

Non a caso, non appena ha potuto realizzare la casa dei suoi sogni (il famoso ranch…) ha fatto piantare degli alberi.

Ma, a livello della musica, anzi del suo modo di esprimersi (e qui c’entra la Musicoterapia) mi ha quasi letteralmente scioccato l’istante in cui, nel filmato, viene invitato ad accennare Billy Jean:

Jackson non riproduce semplicemente (come farebbe qualsiasi musicista) la base ritmica di partenza ma inventa completamente un modo, un Suono! «Lo giuro, me ne sono andato “cronico»: Il “Re” esibisce infatti una “cosa-sonora” mai udita in mezzo secolo abbondante di “ascolti”: qualcosa che mi fa pensare ad una materia aliena, una materia assolutamente “altra”.

Le persone che hanno preservato un modo autentico di essere (parlo evidentemente anche di un cuoco, un meccanico o altro), sono naturalmente creative; spesso maledettamente originali.

È oltremodo interessante poi che accanto alle persone “genio e sregolatezza”, ve ne siano altre che per ritrovare il proprio nucleo autentico, il proprio Sé, si sottopongano per un certo periodo, e ciò sembra un paradosso, ad una grande disciplina. È il metodo dei sistemi di pensiero orientali. Mi vengono pure in mente i Mandala, (vedi la pag. https://www.facebook.com/sarausai.art). Tali sistemi “funzionano” anche se non necessariamente per tutti.

Talvolta indicano una strada valida per tutta la vita.

A ciascuno il suo. Ciò che importa è trovare il metodo che fa per se stessi e di conseguenza la persona giusta. Chi cerca con sincerità, trova.

La Musicoterapia, pure, è un metodo. E siccome la musica è la prima arte, se è quella giusta per voi, arriva a spalancare porte inimmaginabili, canali di comunicazione davvero sorprendenti.

Dr. Gianni Rotondo – psicologo ed esperto in Musicoterapia

www.psicologofasano.it

Tel: 368 36 52 931